Relazionale

Amicizia

La missione comune è luogo dove imparare a volerci bene e a fidarci gli uni degli altri. Nel tempo della formazione ci vengono offerti ampi spazi di gratuità, dove perdere tempo tra di noi. E’ la condizione che permette di coltivare legami di amicizia solidi sollecitandoci a condividere spontaneamente e in modo informale l’esperienza di vita, il sentire, il lavoro quotidiano, la vita interiore. L’intesa che si costruisce in questo modo diventa testimonianza attiva nel momento in cui lavoriamo insieme.

Collaborazione

La collaborazione all’esterno della Compagnia ci sprona a ricordare che la nostra identità di religiosi si comprende solo contestualizzandola in un mondo di relazioni dove ci si arricchisce a vicenda. In collaborazione con altri, attraverso un dialogo rispettoso e una riflessione condivisa, nella fatica fatta insieme a coloro che portano avanti un impegno simile al nostro ma per vie differenti, arriviamo a conoscere meglio il nostro cammino e a percorrerlo con rinnovato entusiasmo e nuove intuizioni.

Mediazione

Sull’esempio di Gesù, mediatore di salvezza, il nostro servizio alla fede si traduce innanzitutto nell’intessere relazioni di mediazione lì dove si produce ingiustizia e sofferenza. Per questo i luoghi preferenziali della nostra missione sono le frontiere, ovvero luoghi bisognosi di riconciliazione. Nella nostra formazione, particolare cura viene data alla dimensione dell’ascolto aperto e accogliente per creare quello spazio dove l’altro possa sentirsi libero di far affiorare ed elaborare frustrazioni e ferite.