Passa al contenuto principale
Gesuiti
Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù
News
Gesuiti News Giovani Accompagnare i giovani: p. Sosa in ascolto, i consigli dei ragazzi
Giovani

Accompagnare i giovani: p. Sosa in ascolto, i consigli dei ragazzi

Un dialogo spontaneo, profondo e serrato, ospitato in Curia Generalizia domenica 30 maggio, tappa del pellegrinaggio sui passi di Ignazio.

Far conoscere il discernimento fin da piccoli, essere sempre più accanto ai ragazzi per conoscerli nel profondo e chiamarli per nome. Continuare ad insegnare a pregare nel quotidiano, andare verso i lontani, puntare alla transizione ecologica con passi concreti.

Sono alcuni dei suggerimenti e consigli dei 100 giovani protagonisti del pellegrinaggio “da Pamplona a Roma, sui passi di Ignazio”, rivolti a gesuiti e adulti che accompagnano i ragazzi nel loro cammino di vita.

A desiderare questo scambio p. Arturo Sosa, in apertura dell’Anno Ignaziano. “Insegnateci ad accompagnarvi” aveva chiesto loro lo scorso 31 luglio.

“Non abbandonate la formazione politica” chiede Chiara “per essere buoni cristiani ma anche buoni cittadini. Fateci vivere esperienze nelle periferie per non lasciare indietro nessuno”.

La direzione spirituale come chiave del cambiamento. “Padri e madri spirituali cercasi” ricorda Pietro da Roma, con l’invito a continuare ad accompagnare la formazione di tanti.

“Isolarsi e farsi Dio è la tentazione di sempre. Questi incontri fake che abbiamo sperimentato” spiega Marco “generano paura, isolamento. Ho paura di non incontrare vite vere”. “Siate pontefici” il suo consiglio “generando ponti con incontri silenziosi che cambiano i nostri cuori”.

“Ponti che servano ad essere attraversati e non crollino” entra in dialogo p. Sosa. “Sento parlare in questi giorni di ritorno alla normalità, questa enorme disuguaglianza tra i popoli. Rispondiamo insieme”.

“Benedico questi incontri e i padri gesuiti che mi hanno accompagnato nella mia vita” condivide Francesco. “Hanno sempre accolto le mie domande e i miei non sensi, mai liquidati con fretta”. “Dobbiamo rompere le zone di buio tra le generazioni” confida Sosa “spingere a lavorare anche al di fuori”.

“Desidererei” spiega Virginia “una voce forte sui principali temi di attualità da parte della Compagnia e una conoscenza condivisa”.

“Essere intellettualmente responsabili” lavoriamo molto in questa direzione spiega il Generale “per rendere ciscuno libero”.

“Per risolvere il problema della solitudine e per favorire l’esperienza del discernimento comunitario, creiamo comunità di giovani laici con una regola semplice da condividere” esorta Francesco. “Avanti” incoraggia il Generale.

“Aumentiamo la comunicazione tra le realtà ignaziane perché tutti possano sentirsi parte di una sola realta” suggerisce Beatrice.

“Fin dall’inizio Ignazio ha puntato sull’unità” concorda Sosa “La comunicazione è a servizio”.

A precedere l’incontro un pellegrinaggio simbolico, simile a quello vissuto da Ignazio nella sua vita in 4 tappe: l’esperienza di Pamplona, per ripartire dalle ferite, con la testimonianza di Shadamgul, giovane afgano fuggito dal suo Paese e accolto dal Centro Astalli. Ancora la tappa “Loyola, riconoscere gli spiriti”, per imparare i criteri del discernimento. “Monserrat, incontro con un povero”, con la testimonianza di Pier Francesco Rinali, operatore della Caritas di Roma e “Manresa” con l’esperienza di contemplazione urbana.

Tag
Ultime notizie
Esplora tutte le news