Passa al contenuto principale
Gesuiti
Gesuiti in Italia, Albania, Malta e Romania
News
Gesuiti News Il Servizio Civile universale nella rete del Gonzaga
Formazione

Il Servizio Civile universale nella rete del Gonzaga

In Sicilia, una rete di 8 enti non profit, coordinata dal Gonzaga Campus dei padri gesuiti, è pronta a selezionare 100 giovani volontari da impiegare in 4 progetti di Servizio Civile Universale, con una remunerazione mensile di 444,30 euro.

La rete

La rete è costituita, oltre che dal Gonzaga, da: Istituto Pedro Arrupe; Centro Astalli Palermo impegnato nella tutela dei diritti, nell’integrazione e nell’inclusione delle persone; Polisportiva Gonzaga ASDC; associazione Arces dedicata agli interventi integrativi e di accompagnamento allo studio; cooperativa sociale Al Azis che promuove processi di orientamento, formazione professionale e inserimento socio-lavorativo soprattutto per i giovani a rischio; cooperativa Parsifal impegnata in attività a favore delle fasce più deboli della popolazione nelle periferie di Palermo; Provincia Siciliana delle Figlie della Carità Canossiane che opera negli ambiti educativi con la scuola primaria a Catania e con le scuole dell’infanzia a Catania ed Aci Bonaccorsi.

Gli 8 enti della rete hanno come obiettivo quello di mettersi al servizio della comunità siciliana e dei giovani in modo nuovo e creativo, mettendo a disposizione 26 sedi (a Palermo e Catania) per accogliere 100 giovani volontari; di questi, 48 giovani saranno selezionati per fare un’esperienza significativa nel settore dell’educazione formale ed informale, anche in diverse lingue, avendo come destinatari privilegiati i minori e i giovani della scuola italiana dell’International School e della Polisportiva del Gonzaga Campus.

Il Servizio Civile universale

Il Servizio Civile Universale è l’opportunità messa a disposizione dei giovani dai 18 ai 29 anni non ancora compiuti, di dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico inteso come impegno per il bene comune.

Si tratta di una opportunità che permette di acquisire competenze spendibili nella vita e per l’inserimento nel mondo del lavoro mediante un tutoraggio e una formazione specifica; si maturano, inoltre, crediti formativi universitari e un punteggio valido nei concorsi pubblici, che, riscattabile ai fini pensionistici, prevede una remunerazione mensile (444,30 euro) e la certificazione delle competenze acquisite.

Le domande di partecipazione dovranno pervenire entro il 26 Gennaio 2022, ore 14.

I progetti

I quattro progetti Italia della rete (“Art Inclusive”, “Il Villaggio dell’Educazione” “Gener-Azioni al Sud” e “Fratelli Tutti!” finanziati con il bando ordinario, hanno anche una riserva di posti dedicati ai giovani con minori opportunità, che hanno un basso reddito (Isee pari o inferiore a 10 mila euro).

Le attività in cui i volontari saranno coinvolti sono di varia natura: attività educative, di tutoraggio scolastico, di supporto all’apprendimento dei bambini con bisogni educativi speciali, attività ludiche, ricreative, sportive, artistiche, culturali, interculturali e di comunicazione sociale.  E ancora animazione culturale e orientamento e accompagnamento lavorativo dei giovani, inserimento e integrazione dei migranti, conservazione del patrimonio artistico e cura delle biblioteche.

I progetti sono parte di un ampio programma di intervento che risponde all’obiettivo 4 dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, e sono realizzati anche in collaborazione con l’Istituto Don Calabria che, da anni, opera a Palermo e in tutto il territorio nazionale, negli ambiti dell’educazione e dell’assistenza.

Nella sezione dedicata al Servizio Civile del sito gonzagacampus.it/serviziocivileuniversale/  è possibile conoscere in modo dettagliato il bando, le modalità di presentazione della domanda, consultare le schede sintetiche di tutti i progetti con le sedi e le attività previste in ogni sede e conoscere i criteri di selezione.

Come presentare la domanda

La domanda di partecipazione va presentata esclusivamente con lo SPID attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite pc, tablet e smartphone, all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it 

Per trovare i progetti della rete del Gonzaga basterà inserire nel format “Scegli il tuo progetto in Italia”, la regione “Sicilia” e l’Ente “Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano” codice ente SU00069.

La rete suggerisce ai giovani che desiderano presentare domanda di comunicarlo prima possibile, inviando il curriculum firmato all’indirizzo serviziocivile@gonzagapalermo.it Saranno invitati a partecipare ad una riunione on line il prossimo 17 Gennaio, nella quale verranno presentati tutti i progetti e fornite tutte le informazioni e i chiarimenti che possono tornare utili ad una corretta compilazione della domanda e alla scelta del progetto e della sede più idonea.

Denora: “Un’occasione per riscoprirsi protagonisti”

“La società che dobbiamo curare e reinventare – afferma padre Vitangelo Denora SJ, direttore generale del Gonzaga Campus – ha bisogno di molte competenze che promuovano il bene comune. I giovani, vittime più fragili di questa epoca di cambiamento, sono anche i potenziali artefici di un cambiamento d’epoca. Il servizio civile universale “Con il Gonzaga” è un’occasione che sta portando buoni frutti e che vogliamo continuare ad offrire ad altri 100 giovani, per riscoprirsi protagonisti di questo tempo, a servizio dei più piccoli, dei bambini, dei giovani, dei migranti, dei più poveri, di tutta la città. I titoli e l’articolazione dei nostri 4 progetti costituiscono quasi una antologia delle sfide che siamo chiamati a vivere, a cui più volte Papa Francesco ci ha richiamato: costruire comunità inclusive, costruire l’orizzonte della fraternità;  concretizzare un ampio patto educativo, capace di coinvolgere non soltanto chi, come studenti, docenti e genitori, è direttamente coinvolto nelle attività di educazione formale (scuola), ma anche in senso più ampio la comunità che gravita intorno alle realtà educative.  Per questo la sfida è quella di dare vita ad un processo, un “villaggio dell’educazione” dove, nella diversità, si condivida anche con i volontari l’impegno di generare una rete di relazioni umane e aperte, scommettendo sulle nuove generazioni”.

“Il Servizio Civile nella nostra rete –afferma Francesco Patanè, responsabile dell’Ufficio di Servizio Civile della rete – è un’esperienza realmente aperta a tutti i giovani. Alcuni posti dei nostri progetti sono riservati, per una precisa priorità apostolica dei gesuiti, ai giovani con minori opportunità, quei giovani che si trovano ai margini o a rischio di esclusione sociale (giovani con basso reddito soprattutto, ma anche giovani con disabilità, giovani migranti…). Un Servizio Civile che possa essere un’occasione di riscatto sociale, un’opportunità per acquisire autostima, per credere di più in sé stessi, nelle proprie possibilità, per scoprire il proprio progetto originale di vita e il proprio ruolo nella comunità siciliana. Crediamo che questo rappresenti un elemento ineludibile del nostro modo di procedere. È questo non è solo un desiderio e una speranza, ma è già una bella realtà”.

Ultime notizie
Esplora tutte le news