Passa al contenuto principale
Gesuiti
Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù
News
Gesuiti News Preghiera Selva famiglie: dalle ferite alle feritoie
Preghiera

Selva famiglie: dalle ferite alle feritoie

Numeri ancora ridotti questa estate per le due settimane riservate alle famiglie a Villa Capriolo, Selva di Val Gardena, causa norme anti-Covid: 80 i partecipanti alle 2 proposte offerte a luglio ed agosto. 

Una vacanza in condivisione, lasciando la possibilità di trascorrere gran parte del tempo all’aperto. Al mattino un tempo disteso di preghiera insieme. Nel pomeriggio una duplice proposta: la prima, a cura di Marco Tibaldi, docente e direttore dell’Istituto di Scienze religiose di Bologna e le rappresentazioni teatrali offerte con i suoi burattini, gli Amici di Guido. Tra le proposte brani biblici e testi classici, in cui il pubblico era parte attiva, 

La seconda, curata da Maria Grazia Prandino, docente di storia dell’arte: dalle opere d’arte di Magritte, Fontana e Picasso ad una rielaborazione del tema affidata ai nuclei familiari.

Prima di cena la celebrazione dell’Eucarestia con la condivisione della giornata e dei lavori artistici prodotti, guidata dai Padri Rotelli e Titta. Il servizio nella casa poi, dalla pulizia degli ambienti al lavaggio dei piatti, occasione di incontro, conoscenza e crescita per tutti.

Infine tra le proposte delle serate, la proiezione del film Woman in gold e una rilettura della ferita ignaziana di Pamplona attraverso testi del Nuovo Testamento e canzoni di Fabrizio De Andrè.

Il tema, a partire dall’Anno Ignaziano e dal tempo di pandemia, è stato quello della luce che passa attraverso le ferite. Come nella tecnica giapponese del Kintsugi, si può fare esperienza che da una ferita può nascere qualcosa di ancora più prezioso, non solo esteriormente. “Una Selva ancora in modalità 3M (mani, mascherina, metro)… ancora una modalità strana, ma sempre forte” sottolinea Valentina, al Capriolo con la famiglia. “Quasi scomoda come un paio di scarpe un pò strette, che creano vesciche. Vorresti toglierle il prima possibile, ma che se hai la tenacia di tenerle ai piedi ti portano in vetta per uno spettacolo unico”.

Ultime notizie
Esplora tutte le news