Spiritualità

Combattere la buona battaglia

Ogni persona sperimenta interiormente una battaglia quando percepisce pensieri e sentimenti che vanno in direzione opposta e non sa come orientarsi. E così succede che si prendono decisioni anche importanti, reagendo immediatamente all’istintività e all’emotività, senza pensarci troppo, senza tener conto dell’effettiva sostenibilità, senza curarci degli altri. Con effetti devastanti per tutti. Il metodo ignaziano di discernimento serve a mettere ordine nella propria vita per orientarla verso il bene a cui aspiriamo.

Gli esercizi spirituali

Il discernimento non è una tecnica, è un’arte. Il primo passo è riconoscere le voci che si agitano dentro di noi. Osservare che alcune vogliono il nostro bene, altre invece fanno di tutto per allontanarcene. Gli esercizi ignaziani insegnano a smascherare inganni, tentazioni e tranelli in cui cadiamo quando dobbiamo prendere una decisione. Aprono a una forma di conoscenza della vita spirituale che non è solo intellettiva, ma soprattutto affettiva. E’ un’esperienza straordinaria che fa ritornare alla vita quotidiana con un nuovo gusto, alla scoperta di un nuovo senso.

L’accompagnamento spirituale

Il nostro modo di accompagnare personalmente le persone deriva dalla nostra spiritualità che pone fiducia nella relazione unica e insostituibile che ciascuno vive con il Signore. E dunque non è direttivo, non consiglia cosa fare o cosa non fare, semplicemente aiuta la persona a scoprire che cosa il Signore sta chiedendo in quello che vive, offrendogli uno spazio di ascolto e di confronto schietto.