Passa al contenuto principale
Gesuiti
Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù
News
Gesuiti News Giovani Meg, il “primo” convegno, una gioia che resta!
Giovani

Meg, il “primo” convegno, una gioia che resta!

Siamo ritornati in presenza! Il MEG, con numeri contingentati, un giorno in meno di quelli a cui eravamo abituati in passato e con un’organizzazione volta a garantire il più possibile la sicurezza di tutti i partecipanti, ce l’ha fatta: a Frascati, dal 30 ottobre al 1° novembre si è tenuto il Convegno nazionale dal titolo: “Come io ho amato voi”.

Il tema, che è anche quello che il Movimento approfondirà quest’anno, era la fraternità. Di fraternità se ne è “respirata” molta fra i ragazzi presenti che, pur con tutte le fatiche dovute al distanziamento, alle mascherine, ai posti fissi a tavola…, sono riusciti a vivere un’esperienza “piena”, ricca, consolante e, in qualche modo, rivelatrice. Ce lo testimoniano bene le parole di Antonio, un ragazzo di Atripalda: “Forse tutto ciò che abbiamo vissuto negli ultimi due anni è stata una benedizione: a me ha dato modo di vivere ogni attimo, ogni incontro, ogni sguardo sorridente come un regalo che non ero sicuro di meritare”.

I tempi dell’incontro sono stati scanditi dalle assemblee, guidate da Padre Michele Papaluca, per i C14, e da Padre Narciso Sunda per i PRE-T, da tempi di preghiera e condivisioni in gruppo e momenti di festa.

Mariachiara, una PRE-T di Milano, ha scritto che “il Convegno è gioia, condivisione, fratellanza. È scoprire che anche Dio è tuo amico e fratello, è “tornare a casa”, nel posto in cui ci si sente accolti ed amati così come si è, sempre. Mi sono sentita presa per mano dal Signore e circondata da fratelli meravigliosi”. Moussa, un ragazzo del Mali, è stato uno di loro. Lo abbiamo conosciuto attraverso il servizio dei Gesuiti per i rifugiati in Italia, il “Centro Astalli” ed venuto a trovarci per raccontare con semplicità la sua difficile storia. Ha concluso il suo intervento toccando profondamente i cuori di chi ascoltava, dicendoci proprio che “fratello è chiunque dona il suo tempo per te, che ti sa ascoltare”.

Un elemento fondamentale che non può mancare a un Convegno MEG è la musica. Ce ne è stata tanta, veicolo di preghiera e canale privilegiato di emozioni e desideri. In particolare, l’inno di quest’anno che si intitolava “Uno” ha risuonato molte volte lungo le giornate e ha dato colore a quel desiderio di stare insieme con il Signore e tra noi. Elisa, una delle voci della MEGband, ha commentato così la sua esperienza al Convegno: “A Frascati, sono stata voce che ha cantato le Sue parole, nella speranza di arrivare dritta al cuore di coloro che ascoltavano e diventare, con loro, un’unica voce. Un’unica melodia che suonava e che gridava tutto l’amore, la gioia e la bellezza del ritrovarsi, dello stare insieme e del trovare un fratello in ognuno di quelli che cantava insieme a me. Ho sentito davvero l’emozione forte di diventare ‘UNO’ in Lui: soltanto così saremo per sempre”.

Ultime notizie
Esplora tutte le news