Passa al contenuto principale
Gesuiti
Gesuiti in Italia, Albania, Malta e Romania
News
Gesuiti News Primi voti per Christian
News

Primi voti per Christian

Sabato 17 settembre nel noviziato di Genova Christian, 29 anni, ha pronunciato i suoi primi voti.

“Ricorderò una giornata di sole e di vento, come tante se ne vedono in settembre, poi i volti, gli abbracci nella luce di un pomeriggio abbagliante di fine estate, la mia famiglia al mio fianco, gli scout del clan Genova 40 dietro di me, quasi una piccola tifoseria improvvisata. E sopra tutto e tutti, sull’altare, l’Ostia santa elevata in alto, stretta tra le mani del Provinciale, davanti alla quale ho offerto tutto ciò che ho, tutto ciò che sono, perchè tutto ho ricevuto, anche o soprattutto, quello che sono. Sarà forse questo il senso dei voti che ho fatto? Chissà! Grazie a Dio i voti sono molto più di quel poco che riusciamo a capire, a sentire, a vedere. Ed è per questo che ricorderò soltanto un pomeriggio di luce, di vento e di Spirito Santo”.

Un desiderio: essere un uomo di Dio, per gli altri

Nato nel 1993 a Bisaccia in provincia di Avellino, madre italiana e padre albanese, trascorre l’infanzia e l’adolescenza ad Andretta, nella verde Irpinia. Ama Guccini, gli scacchi, la filosofia e i gialli. Sensibile e riservato ma anche curioso e determinato, “ero un miscuglio ancora in trasformazione. Oggi rileggo la mia vita come cerchi concentrici, una progressiva dilatazione di orizzonti. Un viaggio fisico ma anche interiore dal piccolo mondo antico della provincia, al profondo nord, guidato da un desiderio che chiede di essere visto: essere un uomo di Dio, per gli altri”.

Nel Seminario di Posillipo

Dopo la maturità classica, conseguita nel liceo di Sant’Angelo dei Lombardi nell’estate del 2012, concretizza questo desiderio vivendo un anno di discernimento e servizio nella parrocchia di Lioni, e poi, nell’autunno del 2013, con l’ingresso effettivo nel Seminario Interregionale di Posillipo a Napoli, collegato con la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, nel quale vive i cinque anni di formazione per il sacerdozio e di studio della filosofia e della teologia. “Il seminario rappresenta per me l’esperienza di una fraternità possibile e la maturazione dell’esperienza di Dio, attraverso la scoperta degli Esercizi Spirituali ignaziani”.

Ingresso nel noviziato di Genova

L’elemento ignaziano, grazie alla presenza dei gesuiti, apre una domanda sulla forma vocazionale che gli chiede un ulteriore spostamento di orizzonte: “sento che la forma della Compagnia rappresenta un di più per diventare quell’uomo di Dio a servizio degli altri che desidero essere. Ma, stando al principio della gradualità non è ancora il tempo della Compagnia. Così nel settembre 2018, lascio Napoli e la mia diocesi d’origine, la diocesi di Sant’Angelo dei Lombardi, e parto alla volta di Villa S. Ignazio a Trento, dove trascorro un anno come volontario residente all’interno della cooperativa di accoglienza sociale”. Un’esperienza di condivisione forte che “mi fa crescere in umanità e che in qualche modo mi conferma nel desiderio del servizio. Nell’agosto del 2019, sentendo ancora vivo il desiderio per la Compagnia in mezzo ai tanti stimoli esterni e interni spesso discordanti, grazie all’aiuto del mio padre spirituale, mi faccio avanti. Nell’ottobre 2019 sono accolto nella comunità dei gesuiti di Villa S. Giuseppe a Bologna per vivere un anno di discernimento più specifico per la Compagnia all’interno del progetto Sulla via di Damasco. Durante l’anno lo strumento principale per il discernimento è rappresentato dal percorso EVO (Esercizi nella Vita Ordinaria) che vivo con gli studenti universitari del Centro Poggeschi“. 
Nell’ottobre 2020 entra nel noviziato della Provincia Euro-Mediterranea nella comunità di Genova. Sabato scorso i primi voti, “un orizzonte più grande tutto da scoprire. Il viaggio continua”.

“Un momento emozionante sia per quello che rappresentano i voti nella Compagnia sia per l’affetto che abbiamo per il nostro fratello Christian che ci ha accolto l’anno scorso con il suo sorriso, il suo amore e la sua gentilezza” raccontano i sei novizi del primo anno. “Auguriamo a lui tutto il bene possibile e una vita davvero felice”.

Tag
Ultime notizie
Esplora tutte le news
Premiata Fe y Alegria di Genova

Il 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, durantel’evento organizzato dal Consolato della Repubblica Dominicana a Genova, la direttrice di Fe yAlegria Genova, prof.ssa Mercy Mera… Continua a leggere